https://www.paua.it/piove-nel-weekend-non-e-sfiga-e-scienza

Ore 15.00 di lunedì.
Il sole batte sulla finestra e scalda il materiale (scadente, ferroso e anoditizzato) di cui è composta. Quindi?

Oltre ad esser tappato dentro perchè la luce sbatte sul tuo monitor e non vedi nulla, gli infissi surriscaldati ti ricordano come soffre la terra per l’aumento delle temperature. Nemmeno il cactus ce la fa più, ma tu speri nelle previsioni che davano “bel tempo nel weekend”.

IL BEL TEMPO A LAVORO

E’ il più classico esempio di bel tempo inopportuno durante la settimana lavorativa.
Poi arriva la famigerata “nuvoletta di Fantozzi”, che rispecchia la sfortuna di quanti vedono svanire impotentemente l’agognato relax del weekend a causa di un improvviso peggioramento delle condizioni meteorologiche.

CHIAMIAMO GLI STUDIOSI E…

Diverse eminenze scientifiche hanno dimostrato che il fenomeno esiste davvero.

Nel lontano 2003 una ricerca inglese (loro sono particolarmente avvezzi alla pioggerella..) aveva dimostrato che

l’inquinamento prodotto nei giorni lavorativi è causa, nei weekend, di maggiori sbalzi termici di quelli registrati durante la settimana.

Con un altro studio apparso in un saggio sull’autorevole “Geophysical Research Letters” commissionato ai due studiosi tedeschi, Dominique Baeumer e Bernhard Vogel, dell’università di Karlsruhe, dal titolo:

il ritmo settimanale nelle variazioni della temperatura, della differenza fra temperatura minima e massima, della presenza del sole, della quantità di nubi, della quantità di pioggia e della sua frequenza

è stato scoperto come la presenza di sole e pioggia cambia nel corso della settimana. Statisticamente, il bel tempo tende a concentrarsi all’inizio della settimana, mentre le nuvole sono più frequenti nel weekend, con picchi di rovesci il sabato.

E GLI ITALIANI-DO-IT-BETTER COSA NE PENSANO?

Secondo Antonello Pasini, fisico del Cnr, “il traffico urbano e le attività lavorative provocano un accumulo di polveri sottili nel corso della settimana: la cappa di inquinanti scherma la luce del sole e favorisce l’aggregazione dell’umidità che forma le nuvole le quali liberano il loro carico di pioggia proprio nei week end”.

Esiste un “metodo scientifico” per richiamare la fortuna.
Ma è meglio non saperlo